ALLERGOLOGIA
Allergie Cutanee
Allergie Cutanee
Orticaria
L’orticaria è una malattia infiammatoria della pelle caratterizzata dalla presenza di lesioni cutanee rilevate eritematose e pruriginose, che possono interessare il corpo dalla testa ai piedi. L’orticaria è la lesione indotta tipicamente dal contatto con l'ortica, erba irritante, da cui prende appunto il nome.

Distinguiamo sulla base della durata evolutiva, inferiore o superiore alle sei settimane, fra orticaria acuta e cronica. L’orticaria è dovuta all’attivazione dei MASTOCITI, cellule che si trovano nella pelle che quando vengono attivate si rompono e liberano le sostanze che determinano la formazione delle lesioni dell’orticaria. Nella maggior parte dei casi l’orticaria è dovuta ad una fragilità dei mastociti che si attivano spontaneamente o sotto l’influenza di sostanze “irritanti” chiamate istamino-liberatrici. Certi alimenti (per esempio i crostacei, le fragole, i formaggi stagionati...), certi farmaci (che sono dei prodotti chimici) contengono tali sostanze e possono, dopo essere stati assorbiti, diffondere nella pelle e attivare i mastociti, portando alla loro rottura e quindi all’orticaria.

Fra tutti i farmaci, quelli che hanno maggiore potere “irritante” nei confronti dei mastociti sono l’aspirina, gli anti-infiammatori non steroidei, gli antibiotici ed in particolare i beta-lattamici, gli anestetici, i prodotti di contrasto utilizzati in radiologia. Nella maggior parte dei casi NON sono delle vere reazioni allergiche ma delle reazioni che noi chiamiamo d’intolleranza o pseudo-allergiche.

In qualche caso, che resta raro, l’orticaria è dovuta ad un’autentica ipersensibilità allergica verso una proteina particolare. Si può trattare di un’allergia alimentare (per esempio per l’arachide), di un’allergia ad un farmaco e in tal caso generalmente l’orticaria appare solo quando si viene esposti a tale proteina particolare. E’ solamente a proposito di questo tipo di orticaria che si parla di orticaria allergica. Questi casi possono essere gravi, ed è per questo che necessitano di una valutazione immuno-allergologica completa, comprensiva di test cutanei ed esami ematici, che permetterà di identificare la sostanza responsabile e nel caso dei farmaci determinare quali saranno definitivamente vietati.

Dermatite atopica
La Dermatite Atopica o Eczema Atopico è una malattia infiammatoria cronica della pelle, frequente nell’età infantile e nel giovane adulto, la cui prevalenza aumenta progressivamente da circa 20 anni.

La diagnosi è clinica e non sono in genere necessari esami complementari ai fini diagnostici. La Dermatite Atopica della prima infanzia fa in genere la sua comparsa fra i 3 e i 6 mesi, è caratterizzata da lesioni eczematiformi mal delimitate, più o meno essudative, localizzate essenzialmente sul viso, sugli arti (inizialmente le regioni estensorie poi le regioni flessorie), sul cuoio capelluto e le regioni glutee. Il prurito, sintomo cardine, può essere molto intenso e determinare insonnia del piccolo nelle forme più importanti.

Le forme dell’adulto, più rare, sono in genere più severe. Si tratta di una patologia che ha un andamento alternante fra fasi acute (poussée) e fasi di remissione. Le poussée possono essere favorite da docce o bagni prolungati, prodotti sensibilizzanti, cambiamenti di clima/ambiente, stress... Lo stress psichico può essere molto importante (ansia, insonnia, irritabilità, sindrome depressiva), ma la DERMATITE ATOPICA NON E’ UNA MALATTIA PSICOSOMATICA!

L’altro elemento caratteristico e costante in corso di DA è la secchezza cutanea, responsabile di grattamento e verosimilmente delle riacutizzazioni di malattia. Da ciò si evince l’importanza di mantenere la cute costantemente idratata per prevenire le fasi acute di malattia. Il trattamento di fondo della malattia prevede l’uso di emollienti e cortisonici topici nelle fasi infiammtorie. I trattamenti sistemici sono riservati a casi severi e selezionati.

L’evoluzione è favorevole spontaneamente nella maggior parte dei casi con remissione completa. Le forme persistenti dell’infanzia sono in genere più localizzate. E’ possibile una riaccensione in età puberale e giovane adulta. E’ inoltre possibile la comparsa di altre manifestazioni atopiche aggiuntive come asma intorno ai 2-3 anni, poi rinite allergica, congiutivite, allergia alimentare; tali manifestazioni sono tanto più frequenti se ci sono dei precedenti di atopia nei genitori.

Eczema da contatto(o dermatite allergica da contatto)
L’eczema da contatto è un tipo di allergia cutanea provocata dall’applicazione di una sostanza allergizzante sulla pelle. Somiglia alla dermatite atopica o eczema atopico ma le cause sono differenti. Infatti l’eczema da contatto si sviluppa a seguito di contatti ripetuti e prolungati della pelle con una sostanza allergizzante. Maggiore è il potere allergizzante della sostanza, maggiori sono le probabilità di sviluppare un eczema da contatto. La penetrazione di tale sostanza nella pelle, sia di natura chimica che di natura vegetale determina una reazione infiammatoria a livello del sito di contatto con l’allergene.

Tale reazione si manifesta con un ritardo di tempo che va dalle 24 alle 48 ore circa. Dal punto di vista clinico si caratterizza per la presenza di lesioni eritematose a margini irregolari con presenza di vescicole, croste ed alla fine una desquamazione della cute. Il prurito è quasi costante. A livello del viso e soprattutto delle palpebre, dove la cute è molto delicata e sottile, l’eczema in fase acuta assume l’aspetto di un edema talvolta molto marcato. La recidiva di eczema da contatto sullo stesso sito, per diverse settimane o mesi, porta ad un ispessimento cutaneo definito lichenificazione. Le sostanze responsabili di eczema da contatto sono numerose (oltre 200) e molto diffuse sia nella vita personale che professionale. La diagnosi di eczema da contatto viene fatta con la realizzazione dei patch test. La terapia prevede l’esclusione dell’ allergene e l’utlizzo di dermocorticoidi nelle fasi acute di malattia.
"La bellezza di una persona giovane e' un caso della natura
mentre la bellezza di una persona matura rappresenta un'opera d'arte". (Elanor Roosevelt)